PMI e Responsabilità sociale d'impresa

Nell’ottica del raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dall’Agenda ONU 2030 si registra una crescente consapevolezza tra le piccole e medie imprese in merito alla responsabilità sociale d'impresa, perché una crescita sostenibile passa anche dalla consapevolezza del loro profondo ruolo sociale, come attori fondamentali per lo sviluppo del territorio e delle comunità in cui sono inserite.

Il più importante evento italiano dedicato alla sostenibilità è il Salone della CSR e dell’innovazione sociale, che permette di conoscere le imprese che hanno fatto della sostenibilità un driver strategico, di incontrare i giovani e di contribuire a costruire il futuro della CSR. La 7°edizione è dedicata ai territori della sostenibilità, un viaggio lungo l’Italia articolato in dodici tappe da nord a sud per esplorare nuove tendenze, confrontare iniziative attivate, ascoltare la voce dei protagonisti e scoprire esperienze innovative verso un futuro più responsabile.

Udine ha ospitato la seconda tappa del Giro d’Italia della CSR che ha visto una partecipazione di pubblico molto superiore alle aspettative. Patrizia Simeoni, Delegata del Rettore per l’Ambiente e l’Energia, ha ricordato come la partnership con le imprese del territorio si sia rafforzata anche grazie a progetti condivisi con focus sulla sostenibilità. Fabio Pettarin, Presidente di Animaimpresa, ha ricordato la crescita dell’associazione, l’impegno per la formazione e la collaborazione con i diversi attori del territorio. Rossella Sobrero, intervenuta a nome del Gruppo promotore de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale, ha contestualizzato la tappa nel percorso del Giro d’Italia e dell’edizione nazionale 2019. Alessandro Driussi, Presidente Venchiaredo, ha sottolineato come nella sua impresa lo sviluppo del business sia accompagnato a una crescente attenzione alla sostenibilità. Francesca Visintin, Socia e presidente E-frame, ha ricordato l’importanza del capitale naturale e come un modello di contabilità ambientale ed economica integrata consente di misurare il valore monetario dei servizi ecosistemici. Emanuela Fregonese di Wärtsilä Italia, ha portato l’attenzione anche sulla responsabilità individuale. Massimo Santinelli, Amministratore Biolab, ha illustrato la crescita dell’azienda in una “filiera delle responsabilità” come approccio etico alla produzione, centralità del consumatore, fedeltà ad alcuni principi fondamentali. Renata Kodilja, Professore associato dell’Università di Udine, nel suo intervento ha portato l’attenzione sul rapporto tra comunicazione e sostenibilità. L’incontro è proseguito con un dialogo sul tema del turismo sostenibile e l’intervento conclusivo di Francesco Marangon, Delegato del Rettore Rete RUS e membro del Comitato scientifico Il Salone della CSR.

La più importante manifestazione diffusa della Green Economy in Trentino, è la Green Week che si aprirà il 26 febbraio prossimo con un tour alla scoperta delle “Fabbriche della Sostenibilità”: Tre diversi itinerari di visita attraverseranno le realtà imprenditoriali e i territori green di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Lombardia e Trentino. A Rovereto e poi a Trento dal 1° marzo la conclusione con il Festival della Green Economy: tra gli ospiti Andrea Segrè, Antonio Calabrò, Aldo Bonomi, Domenico De Masi, Salvatore Majorana, Rossella Sobrero, Norbert Niederkofler e 20 big del mondo dell’impresa. La Green Week rappresenta un’opportunità per il territorio e ancora molto può essere fatto in tema di sostenibilità, con una più ampia partecipazione delle eccellenze trentine.